IL TERZO CHAKRA, IL NOSTRO SPLENDIDO SOLE


In sanscrito Chakra significa “ ruota”. Situati lungo la colonna vertebrale e il capo, i 7 principali Chakra del nostro corpo, rappresentano le porte d’accesso del Prana ( energia vitale universale) al nostro essere, in un continuo interscambio energetico. Questo garantisce all’essere umano una costante carica energetica che gli consente di esistere in armonia e salute sotto tutti i punti di vista. Quando i Chakra non sono al meglio della loro forma ( scarichi, deboli o eccessivamente carichi), possono manifestarsi diversi scompensi a livello energetico, che possono avere ricadute su tutti gli altri livelli. È importante prendersi cura delle nostre energie vitali e a tal proposito, l’Ayurveda prevede molte indicazioni.


IL TERZO CHAKRA: MANIPURA, IL CHAKRA DEL PLESSO SOLARE.

È posto sull’addome, alla base dello sterno. È governato dall’elemento Fuoco. La sua emanazione è di colore Giallo. Regola il nostro rapporto con gli altri. Il suo senso di riferimento è la Vista. Emana la vibrazione ( Bija Mantra) RAM. Come tutti i Chakra, ha uno stretto rapporto con il sistema endocrino e nel caso specifico del terzo Chakra, la connessione riguarda il Pancreas.


Prendersi cura di Manipura è importante per il nostro Metabolismo


Proprio come il sole sta al centro del nostro sistema, il terzo Chakra è il nostro potente centro, che presiede a vitalità e volontà. Esso riguarda il nostro essere parte della società, con la nostra autoaffermazione. Quando il terzo Chakra è in equilibrio, saremo in grado di esercitare i nostri diritti di esistere e realizzare noi stessi, senza prevaricare sugli altri e senza esserne succubi. È la forza dell’assertività e dell’autorealizzazione. Gli squilibri di Manipura riguardano soprattutto atteggiamenti di insicurezza, rancore, arroganza, o al contrario, vittimismo. Anche problemi digestivi possono avere origine dalla rabbia che accompagna la disarmonia di questo Chakra

.

Il vostro operatore olistico di fiducia, soprattutto se esperto in Ayurveda, potrà aiutarvi a stabilire lo stato energetico dei vostri Chakra ed agire, in un percorso personalizzato, per assicurare il vostro riequilibrio energetico, tramite diverse tecniche olistiche.


MASSAGGI E OLI ESSENZIALI INDICATI PER LA CURA DEL TERZO CHAKRA

In Ayurveda viene consigliato l’uso del massaggio con olio a cadenza quotidiana. Sarebbe bene ricorrere a questa meravigliosa pratica ogni qual volta ci sia possibile ed introdurla nella nostra routine, se non quotidiana, sicuramente settimanale.


Il massaggio ayurvedico Pitta e il massaggio ayurvedico Treedosha sono certamente due strepitosi supporti a questo Chakra.


In Ayurveda si fa molto uso di piante e spezie per coadiuvare l’efficacia del massaggio. Ci sono quindi alcuni oli essenziali adatti a migliorare il massaggio. Ovviamente questi oli devono essere di ottima qualità e sempre consigliati, previo colloquio individuale e specifico, da un esperto. Ecco alcuni oli essenziali ideali per favorire l’ armonia del terzo Chakra:

Anice: aiuta a calmare lo stomaco quando siamo nervosi o agitati, aiuta ad alleviare i crampi.

Finocchio: favorisce il benessere dello stomaco e della digestione. Ottimo per l’eliminazione dei gas.

Vetiver: aiuta ad affermare le proprie decisioni e a comprendere le proprie scelte. Ha proprietà afrodisiache.

Lavanda: molto calmante e rilassante, è adatto a moltissimi usi. Ideale anche contro lo stress.

PIETRA/ CRISTALLO PER IL TERZO CHAKRA

Da aggiungere al massaggio o semplicemente da portare in tasca, quando è necessario riequilibrare il Terzo Chakra, l’Occhio di Tigre è consigliato. il suo colore potrebbe sembrare marrone, ma ha delle zone cangianti, con gatteggiamenti dorati. Riporta la fiducia in se stessi e migliora il rapporto con il prossimo. Inoltre, dona il coraggio di compiere le proprie scelte. Utile contro il nervosismo.


YOGA

in Ayurveda enorme rilevanza viene data al movimento fisico, come fonte di benessere a livello fisico, ma anche emotivo, mentale e spirituale. Lo Yoga è sicuramente lo strumento più indicato in questo senso.


Il terzo Chakra beneficia di asana per rinforzare gli addominali. Due esempi: posizione della barca e posizione della tavola. Il “ respiro di fuoco”, molto utilizzato nel Kundalini Yoga sarà benefico per il terzo Chakra.


ALTRE INDICAZIONI

Tenere a bada il consumo di caffè ed altre sostanze eccitanti.

Esprimersi in modo creativo, senza prevaricare il prossimo.

E poi un consiglio evergreen: prendersi del tempo per meditare.


L’amore per se stessi passa attraverso atti concreti. Non importa se siano piccoli cambiamenti, come una sessione di Yoga quotidiana o un massaggio a settimana, o grandi cambiamenti , come un totale restyling della nostra vita. L’importante è iniziare ed essere costanti, perché nonostante nella vita ci siano incertezze e imprevisti, una cosa è certa: possiamo abitare solo dentro noi stessi, quindi è fondamentale che la nostra “casa” sia al meglio delle sue potenzialità.

Segui il mio blog per le indicazioni sugli altri Chakra e molti altri articoli sul benessere olistico. Non esitare a contattarmi per approfondire le tematiche trattate.


F U O C O e A C Q U A

- S t u d i o O l i s t i c o - PADOVA

Massaggi, Ayurveda, Meditazione, Yoga, Tecniche Olistiche

Professione disciplinata ai sensi della Legge 4/2013

Iscritta associazione di categoria SIAF Italia n° VE2841-OP

www.fuocoeacquastudioolistico.com

Facebook: @studiofuocoeacqua

Instagram: studio.olistico.fuoco.e.acqua

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti